Apple

8 grandi svantaggi nell’acquistare un MacBook

Prima di aggiungere un nuovo MacBook al carrello, assicurati di conoscere tutti gli svantaggi nell’acquistare e possedere uno di questi, vediamo gli 8 più grandi.

8 grandi svantaggi nell'acquistare un MacBook
8 grandi svantaggi nell’acquistare un MacBook

I MacBook sono generalmente considerati computer affidabili e di alta qualità, ma sono sicuramente macchine costose. Sebbene molte persone adorino i MacBook e il loro design, ci sono alcuni notevoli svantaggi che dovresti considerare prima di deciderti nell’acquistare uno di questi e qui ne vediamo 8.

Di seguito ho analizzato per te questi aspetti negativi del MacBook in modo che tu possa decidere se un nuovo MacBook è adatto o meno a te.

1. Prezzo

I MacBook hanno funzionalità sorprendenti ma, come tutti i prodotti Apple, sono troppo cari. Il MacBook più economico di Apple, il MacBook Air, parte da $ 999 (circa 943 €). Mentre gli ultimi modelli di MacBook Pro partono da $ 1999 (circa 1.888 €). I componenti aggiuntivi per spazio di archiviazione aggiuntivo e RAM non fanno altro che aumentare ulteriormente il prezzo.

Questi prezzi elevati attirano solo acquirenti premium e possono rappresentare un enorme svantaggio se hai un budget limitato. Osservando esclusivamente le specifiche, puoi ottenere molto di più con gli stessi soldi con una macchina Windows.

2. Supporto software

I MacBook di Apple funzionano con macOS, che è molto diverso dal più comune sistema operativo Windows. Sebbene ci siano pro e contro per macOS e Windows, un enorme svantaggio per macOS è la mancanza di software.

Il supporto dei programmi di terze parti è migliorato negli ultimi anni e scoprirai che molti programmi hanno disponibile una versione macOS. Tuttavia, troverai comunque programmi che funzionano solo su Windows. Se sono essenziali per il tuo flusso di lavoro, potresti non essere in grado di utilizzare un’alternativa compatibile con Mac.

3. I Mac Apple Silicon non possono eseguire Windows

I vecchi MacBook Apple venivano eseguiti su processori Intel, che consentivano di installare Windows utilizzando Boot Camp. Questo è stato molto utile e ti ha permesso di sfruttare al meglio entrambi i sistemi operativi.

Tuttavia, i MacBook più recenti ora funzionano con i chip di silicio di Apple. Sebbene questi siano molto più potenti quando si esegue macOS, non supportano Windows. Esistono alcune soluzioni alternative che prevedono l’installazione di software di virtualizzazione come Parallels Desktop o UTM per eseguire Windows. Tuttavia, fai attenzione agli svantaggi dell’utilizzo del software di virtualizzazione per eseguire Windows sul tuo Mac.

4. Aggiornamenti hardware limitati e supporto minimo per riparazioni fai-da-te

Gran parte della filosofia hardware di Apple è quella di avere sistemi chiusi, e questo si riflette in tutti i suoi prodotti, quasi nessuno dei quali consente aggiornamenti da parte dell’utente.

Un altro grande svantaggio dei MacBook sono le opzioni di aggiornamento minime. Il processore e la memoria sono integrati su un unico circuito, il che significa che praticamente non ci sono opzioni di aggiornamento. Apple utilizza persino viti proprietarie per impedirti di entrare all’interno di un MacBook.

Se desideri aumentare lo spazio di archiviazione o ottenere più memoria in futuro, dovrai acquistare un nuovo MacBook, che, ancora una volta, può essere molto costoso.

Come se ciò non bastasse, Apple fa un ulteriore passo avanti utilizzando software per rendere difficile la riparazione di un dispositivo da solo accoppiando le parti chiave all’hardware. Dimentica il programma di autoriparazione perché Apple ha il pieno controllo sulle parti autoriparabili attraverso il trucco di abbinamento hardware, evidente nei suoi MacBook e persino negli iPhone.

8 grandi svantaggi nell’acquistare un MacBook

Secondo il video qui sopra dello YouTuber Hugh Jeffreys, non puoi nemmeno scambiare parti originali tra due MacBook identici senza perdere alcune funzionalità. Per qualcuno che si occupa di autoriparazioni, un MacBook non ne vale la pena.

5. Opzioni di archiviazione limitate

Se sei una persona che ha bisogno di avere molto spazio di archiviazione sul computer, allora potresti voler ripensarci prima di acquistare un MacBook: non sono costruiti per ospitare enormi quantità di dati e questo si riflette sui prezzi.

I modelli base MacBook Air e MacBook Pro dispongono di solo 256 GB di spazio di archiviazione SSD, che è piuttosto piccolo rispetto ad altri produttori. Se desideri aggiornare lo spazio di archiviazione al momento dell’acquisto, ti costerà. Gli aggiornamenti di archiviazione vanno da $ 200 (circa 189 €) per 512 GB a $ 800 (circa 755 €) per 2 TB. In confronto, oggigiorno la maggior parte dei laptop Windows è dotata di almeno 512 GB di spazio di archiviazione SSD, con aggiornamenti di archiviazione disponibili a prezzi molto più bassi.

Una soluzione alternativa a questo problema è investire in uno spazio di archiviazione basato su cloud e utilizzarlo per mantenere tutti i dati su di esso. Tuttavia, questo può rivelarsi tutt’altro che perfetto, poiché avrai bisogno di una connessione Internet costante per mantenere i tuoi dati sincronizzati.

6. Qualità della webcam

Le webcam sui MacBook sono sempre state motivo di preoccupazione. Fino a poco tempo fa, tutte le webcam dei MacBook offrivano solo risoluzioni a 720p, il che non sembrava affatto impressionante, soprattutto dopo aver sborsato così tanto per un laptop costoso. Ciò è diventato ancora più importante dopo la pandemia di COVID-19, con molte persone che sono passate alle videoconferenze online per lavoro.

Se hai intenzione di acquistare uno degli ultimi MacBook, sarai felice di sapere che i modelli MacBook Pro e MacBook Air riprogettati hanno una webcam con risoluzione 1080p, che sembra molto migliore di prima. Tuttavia preparati a scendere a compromessi sulla qualità video durante le chiamate Zoom.

7. Mancanza di porte

Apple è sempre stata una sostenitrice della riduzione delle porte per ottimizzare i propri dispositivi. È stata la prima a eliminare il jack per le cuffie su uno dei principali smartphone e il primo a rimuovere tutte le porte a favore delle sole porte USB-C su un laptop più evoluto. Ciò ha causato polemiche quando è stato originariamente annunciato, ma da allora molti di noi si sono abituati a portare con sé una dock Thunderbolt per MacBook.

Le porte sono attualmente una situazione di mix-and-match tra diversi modelli di MacBook. MacBook Air e MacBook Pro (modelli da 13 pollici, 2020) offrono solo 2 porte USB-C, il che significa che molto probabilmente dovrai acquistare una dock. Tuttavia, Apple ha reintrodotto la porta HDMI e lo slot per schede SD sui suoi modelli MacBook Pro riprogettati (14 pollici e 16 pollici), rendendo la vita molto più semplice.

Sfortunatamente, non si può dire quale direzione prenderà Apple in futuro: potrebbe mantenere una linea di porte USB-C standard su tutti i suoi modelli di MacBook e mantenere le porte aggiuntive riservate ai modelli MacBook Pro “premium”, oppure potrebbe reintrodurre le porte anche su altre varianti.

8. Scarsa selezione di giochi

L’ecosistema limitato di Apple significa che meno software arriva su macOS. Mentre la maggior parte dei grandi produttori come Adobe e Microsoft hanno introdotto versioni macOS delle loro suite creative, i giochi rimangono un’area in cui i MacBook sono ancora molto indietro.

Uno dei motivi principali di ciò è che un numero limitato di giocatori utilizza un Mac, rispetto a quanti giocano su computer basati su Windows. I Mac sono più orientati all’ufficio, alla produttività e al lavoro creativo piuttosto che ai giochi. Inoltre, anche se alcuni giochi arrivano anche su Mac, spesso vengono rilasciati più tardi rispetto alle loro controparti per PC e console domestiche.

In precedenza potevi installare Windows su un MacBook tramite Boot Camp e utilizzarlo per eseguire i tuoi giochi, ma come accennato in precedenza, i Mac Apple in silicio hanno interrotto questa strada. Se stai iniziando a giocare con un computer, faresti molto meglio a investire in un laptop Windows o, ancora meglio, in un PC Windows personalizzato.

ISCRIVITI ALLA
NEWS LETTER

NON COSTA NIENTE. Ti arriverà una mail di notifica solo ed esclusivamente quando uscirà un nuovo articolo. Null'altro!

I TUOI DATI NON VERRANNO MAI CEDUTI A NESSUNO E PER NESSUNA RAGIONE.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Ciao e Benvenuto nel Blog di Fabio Bernini

Torna in alto